La Fine del Mondo al CERN?

Credo sia decisamente il caso di festeggiare l’inaugurazione dell’LHC al CERN: è bello vedere uno sforzo così gigantesco e coordinato per la ricerca della conoscenza pura. In bocca al lupo ai tanti fisici che lavorano lì (sì, sono un po’ invidioso).

Come sappiamo tutti, l’evento ha attratto particolare attenzione a causa del timore che esperimenti a energie mai toccate sinora in fisica delle particelle potessero generare un buco nero destinato a inghiottire la Terra. Diverse ragionevoli obiezioni a questa ipotesi un po’ stiracchiata sono state avanzate dai fisici, e in particolare il dato di fatto che particelle con energie simili o anche superiori arrivano continuamente sulla Terra nei raggi cosmici, e non pare che sinora il pianeta ne abbia risentito. Tuttavia, vorrei prendere spunto da questo "allarme" per riprendere il tema del Realismo Scientifico lasciato qualche settimana fa (cercate nei vecchi post con tag ‘fisica’, se volete).

Una delle spiegazioni della presunta innocuità di un eventuale piccolo buco nero è basata sulla teoria dell’evaporazione dei buchi neri, dovuta a Stephen Hawking.  In sostanza, essa prevede che, a causa della continua formazione di coppie particella-antiparticella nel vuoto in prossimità dell’orizzonte del buco nero, si generi un effetto equivalente all’emissione di radiazione da parte del buco nero stesso, che quindi perde progressivamente massa fino a evaporare.
I dettagli non sono importanti per gli scopi di questo post, mi accontento di dire che questa teoria è basata sull’applicazione della Meccanica Quantistica a un background spaziotemporale curvo, secondo la Relatività Generale. Insomma, è un tentativo di usare concetti di due diverse teorie, che al momento non sono però unificabili.

Perché allora questo risultato è considerato plausibile? Perché i fisici ritengono probabile che una eventuale teoria unificata della Gravitazione e della Meccanica Quantistica conserverebbe gli elementi delle due teorie (buchi neri e fluttuazioni del vuoto) da cui dipende l’ipotesi di Hawking.

Nel prossimo post spiegherò perché questo a mio parere illustra molto bene i motivi per cui lo Strumentalismo radicale, che è alla base dell’Interpretazione di Copenhagen della Meccanica Quantistica, non è sostenibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...